Federica Dentice

Benvenuti nel Laboratorio Di Cucina

federica_dentice_personal_page

L’idea di aprire una scuola di cucina nasce da un mio desiderio: trasmettere agli altri la passione per gli ingredienti, conoscere le materie e imparare ad utilizzarle, condividere momenti di felicità insieme.

Cucinare è il modo in cui consumiamo le risorse. Cucinare è anche esaltare i sapori della terra d’origine e utilizzare al meglio gli ingredienti di stagione. Cucinare è il ricordo di chi mi ha insegnato tutto e mi ha mostrato che la tavola è un luogo d’incontro e di aggregazione.

Non so dire se questa passione (che ho sempre coltivato nel mio piccolo) mi ha portato a sviluppare le mie capacità attraverso l’ ALMA la Scuola Internazionale di Cucina Italiana; o se è stata l’esperienza che ho maturato lavorando all’interno di molti ristoranti. Ho sicuramente avuto modo di apprendere tecniche e segreti, imparare a provare il gusto di tutto, ma nello stesso tempo ho realizzato quanto sia impegnativa la professione del cuoco.

Credo che ognuno di noi debba seguire il proprio percorso di apprendimento verso l’arte della gastronomia. Il mio è cominciato anni fa, e da allora non si è più fermato: ho intrapreso un viaggio meraviglioso alla ricerca del piacere del cucinare e, adesso, voglio portarvi lì con me. Quell’esperienza travolgente oggi si chiama Sale&Dede.

Sale&Dede insegna l’amore per il cibo, i racconti che si celano dietro ogni ricetta ma anche le tecniche di cucina più avanzate, grazie all’utilizzo di macchinari all’avanguardia.

logo_sale_e_dede_d

Sale&Dede sono anni di formazione, esperimenti, prove. Sale&Dede sono delusioni, errori e scottature.

 

Sale&Dede è condivisione.

Sale&Dede è voglia di imparare.

Sale&Dede è la necessità di riconoscersi.

 

Sale&Dede, per me, è il calore degli affetti e le emozioni che ti stringono il cuore. Sale&Dede è la mia famiglia. Sale&Dede è sbagliare, correggersi, aiutarsi e divertirsi.

Voglio che in questo luogo possiate vedere le vostre potenzialità, espresse ai massimi livelli.